Per suggerimenti e osservazioni scrivi a:

info@storiadelleidee.it

Si ricorda a tutti i visitatori che il sito è in costruzione, ci scusiamo per i numerosi refusi causati dalla dattiloscrittura/dettatura vocale, il materiale presente deve ancora essere revisionato. Lo scopo del sito è didattico i materiali pubblicati o visibili tramite link sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori o gestori.

E' possibile trovare le spiegazioni delle lezioni e dei testi presenti sul sito nell'omonimo canale Storia delle idee

http://www.youtube.com/storiadelleidee

Il sito è a cura del prof. Bernardo Croci, attualmente insegnante di filosofia presso il Liceo delle Scienze Umane Galilei di Firenze.

Amici e collaboratori stanno contribuendo alla realizzazione.

Nel 1954 nasce in Canada, ad opera degli studiosi Ludwig von Bertalanffy (1901-1972), Kenneth Boulding (1910-1993), Anatol Rapoport (1911-2007), James Grier Miller (1919-2002) e Ralph Gerard (1900-1974) la Society for general system research. http://www.isss.org/assets/images/symbologo.gif

L’obiettivo della Society for general system research è quello di elaborare dei modelli teorici applicabili a diversi settori della conoscenza. In particolare Ludwig von Bertalanffy, che è considerato il caposcuola di quest’approccio, voleva supera il modello meccanicistico in abito biologico ma all’epoca esteso a buona parte della fisica e della scienza, con una rielaborazione del concetto di sistema. https://signalprocessingsociety.org/sites/default/files/styles/blog_large_image/public/general_autonomous_systems.jpg?itok=fnllMUIA

Il sistema è un insieme di oggetti e di relazioni tra gli oggetti e tra i loro attributi

Il sistema è un insieme di oggetti e di relazioni tra gli oggetti e tra i loro attributi. Esso ha una propria organizzazione interna che fa si che il tutto che lo costituisce non sia riconducibile alla somma dei suoi elementi. Per tale motivo l'elemento fondamentale del sistema è la sua organizzazione. tale organizzazione prevede che gli elementi del sistema interagiscano.

un sistema non è riconducibile alla somma dei suoi elementi

Il concetto di sistema è simile a quello di Gestalt dove appunto la configurazione degli elementi di una totalità è diversa dalla somma degli elementi presi singolarmente. https://2.bp.blogspot.com/-KGhNElRelnY/T1xmgGkkSSI/AAAAAAAAAJY/EfVVR6Lq8U0/s320/Idesawa+deconstructed.bmp La differenza tra un approccio sistemico è un approccio gestaltico risiede più che altro nei diversi ambiti di studio in cui queste scuole si sono cimentate: la Gestalt si è occupata prevalentemente di studiare i processi percettivi e del pensiero, mentre le teorie sistemiche si sono concentrate di più sugli aspetti legati alla comunicazione e alle interazioni. Tuttavia gli studiosi come Kurt Lewin (1890-1947), appartenenti alla scuola gestaltica hanno di fatto anticipato l'approccio sistemico in psicologia sociale attraverso l'analisi dei gruppi. https://www.umbertosantucci.it/wordpress/wp-content/uploads/2018/03/campo_min.jpg

L’idea alla base della Teoria generale dei sistemi è quella di considerare ogni sistema, in particolare quelli della biologia, come sistemi aperto e non come un sistema chiuso e assestante.

La Teoria generale dei sistemi considera ogni sistema come sistemi aperto e non come un sistema chiuso e assestante.

Si definisce sistema chiuso quando è bloccata ogni forma di comunicazione con l'esterno da cui consegue una situazione in cui ogni forma di cambiamento è inibitahttps://encrypted-tbn0.gstatic.com/images?q=tbn%3AANd9GcS4fcvK8Ao2EP8PEUlGw1Lnsz_12MjKNDbnMTLGiPVbrw_nzeON

Si definisce sistema aperto una qualsiasi situazione d’interazione e di interscambio con altri sistemi, che consentono modifiche interne ed esterne nel contesto a cui appartengono. https://c8.alamy.com/compit/mn9ehr/cerchi-collegati-da-linee-di-sistema-di-connessione-con-blocchi-su-bianco-isolato-verticale-3d-illustrazione-mn9ehr.jpg

In un sistema chiuso è bloccata ogni forma di comunicazione con l'esterno (es sistemi artificiali)
In un sistema aperto sustistoni interazione e interscambio con altri sistemi (es. sitemi biologici)

Secondo questa nuova prospettiva il sistema va inteso come una totalità organismica dove operano interi complessi causali interdipendenti. I sistemi hanno una loro vita, si modificano e possono anche disgregarsi. La modificazione alla fine di un sistema può dipendere da cambiamenti intervenuti nel numero nelle proprietà e degli elementi, ma anche in cambiamenti dovuti alle relazioni del sistema con altri sistemi. https://digilander.libero.it/mediasappada/Piave/ecosistema.jpg

Sistema aperto = totalità organismica caratterizzata da complessi causali interdipendenti

Un esempio in ambiente scolastico è dato dall'inserimento di nuovi allievi nel gruppo classe che genera immediatamente una modifica all'interno del sistema. Un altro esempio è dato da un sistema classe che al termine del suo percorso formativo si disgrega mentre i suoi elementi saranno ancora elementi di altri sistemi. https://thumbs.dreamstime.com/z/levandosi-piedi-fuori-un-gruppo-6696422.jpg

Secondo Bertalanffy:

Ogni organismo vivente è in sostanza un sistema aperto. Esso si mantiene in uno stato continuo di flusso verso l’esterno e verso l’interno, di costruzione mediante componenti e di disgregazione di tale costruzione, senza mai trovarsi, per tutto il tempo in cui vive, in uno stato di equilibrio chimico e termodinamico, ma conservandosi in un cosiddetto stato stazionario ben distinto da uno stato di equilibrio.

(Bertalanffy, Il sistema uomo: la psicologia nel mondo moderno).

Ogni sistema è caratterizzato da tre proprietà fondamentali: la totalità, le equifinalità, l'autoregolazione.

totalità equifinalità autoregolazione

In virtù della totalità ogni oggetto del sistema in connessione con gli altri oggetti o parti del sistema per cui qualsiasi modifica Interviene a livello di singolo oggetto o di parte del sistema coinvolgerà tutto l'intero sistema. Un esempio è rappresentato all'interno di un sistema familiare quando accade qualcosa una persona come per esempio un’inaspettata fortuna oppure un trauma da ciò Si verificherà il modificarsi di tutta l'intera organizzazione delle relazioni familiari. https://encrypted-tbn0.gstatic.com/images?q=tbn%3AANd9GcQepsWsubU0m59K9LQdmUttNKxh8L_06soWSIFx3r8CLWp4GYrD

In virtù del equifinalità si verifica che azioni simili in sistemi diversi possono produrre risultati tra loro differenti, così come risultati simili possono essere collegati ad azioni diverse. Infatti ogni sistema fuori organizzarsi sulla base di alcuni caratteristiche che gli sono proprie e questo in virtù del tipo di relazione o di persone che lo compongono così come dalla visione del mondo dalle aspettative dal significato che si danno a certi eventi. Secondo tale principio ogni sistema costituisce la migliore spiegazione di se stesso.https://image.shutterstock.com/image-vector/me-myself-i-sticker-social-260nw-1140521684.jpg 

In virtù della autoregolazione ogni sistema tende all'equilibrio, sia al suo interno sia con l'esterno. il sistema reagisce i dati in ingresso cercando degli aggiustamenti che consentono di ritrovare un nuovo equilibrio https://media.gettyimages.com/photos/rocks-balancing-on-driftwood-sea-in-background-picture-id153081592?s=612x612

Ciò significa che in un sistema aperto lo stato finale viene raggiunto in modi diversi a partire da condizioni iniziali diverse, ciò che non succede in un sistema chiuso, come quelli studiati dalla fisica meccanicistica tradizionale, in cui lo stato finale è sempre determinato dalle condizioni iniziali.

Ne consegue che ogni sistema aperto può raggiungere uno stato d'ordine superiore, partendo da uno stato inferiore, sulla base di certe condizioni: ovvero ogni organismo è capace di auto-organizzarsi in vista di un risultato finale attraverso un equilibrio dinamico. Un esempio è dato proprio dal processo di apprendimento che comporta l'introduzione continua d’informazioni nel sistema stesso.

Secondo la teoria generale dei sistemi un sistema aperto ovvero ogni organismo è capace di auto-organizzarsi in vista di un risultato finale attraverso un equilibrio dinamico

In virtù dell'approccio sistemico non è possibile considerare il comportamento di un individuo senza considerare contemporaneamente il contesto relazionale nel quale si verifica. Esiste un’interdipendenza tra individuo e ambiente. Pertanto lo studio principale non si deve concentrare sul singolo ma sull'organizzazione di un sistema, sui diversi stratagemmi di omeostasi messi in atto e sul dinamismo interno. https://albertarioconsulenza.it/wp-content/uploads/2018/07/reti-di-imprese-1024x506.jpg

È necessario aggiungere che quando si parla di ambiente in cui è collocato un sistema, in realtà si sta parlando di un sistema più ampio che lo contiene. Per esempio un sistema “classe scolastica” è inserito nell' “ambiente scuola” che a sua volta è inserito in un sistema più ampio che lo contiene, tale sistema è esso stesso inserito in un ambiente, ovvero in un sistema più ampio, che può essere il quartiere o la zona della città e così via….https://i0.wp.com/bragwebdesign.com/wpress/wp-content/uploads/scatole-cinesi.jpg?w=750&is-pending-load=1 

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok