Per suggerimenti e osservazioni scrivi a:

info@storiadelleidee.it

Si ricorda a tutti i visitatori che il sito è in costruzione, ci scusiamo per i numerosi refusi causati dalla dattiloscrittura/dettatura vocale, il materiale presente deve ancora essere revisionato. Lo scopo del sito è didattico i materiali pubblicati o visibili tramite link sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori o gestori.

E' possibile trovare le spiegazioni delle lezioni e dei testi presenti sul sito nell'omonimo canale Storia delle idee

http://www.youtube.com/storiadelleidee

Profilo facebook

http://facebook.com/storia.delleidee.52

Il sito è a cura del prof. Bernardo Croci, attualmente insegnante di filosofia presso il Liceo delle Scienze Umane Galilei di Firenze.

Amici e collaboratori stanno contribuendo alla realizzazione.

Anassimene (di cui non abbiamo date precise 590 a.c. circa al 525 a.c. circa), è il terzo pensatore della scuola di Mileto,sembra sia stato discepolo di Anassimandro e che abbia scritto un trattato di cui però non c'è rimasta traccia che dalle testimonianze era considerato un vero e proprio trattato della scienza dell'epoca; citato da diversi autori Anassimene fu considerato per un certo tempo il pensatore più emminente della scuola di Mileto.

https://4.bp.blogspot.com/-Ix4eb5ph0mI/V82ENCldapI/AAAAAAAAB5g/APdJNtrwh94zGmfAfmbj8J_M4uaDEvNkwCLcB/s1600/03_Anassimene.jpg

Anche Anassimene cerca un principio da cui derivare il molteplice e lo individua nell’aria, intesa però non come l'aria che respiriamo ma come pneuma o soffio vitale https://simri.it/k-data/pic/type-1/k-1/soffio_nuvola_vento.jpg Quest'aria è al contempo materia e spazio, illimitata e infinita è un indeterminato come l'apeiron  da cui deriva sia lo spazio limitato e la materia qualitativamente definita dei corpi. Pertanto Anassimene non compie una regressione rispetto ad Anassimandro, ma potremmo dire che cerca di concretizzare il concetto di apeiron. https://lh3.googleusercontent.com/proxy/DbbhhloM1peDBRW1rGAcUOLsKgCL7xtcH3S5NPehzaxTLA3DP3adZb7CH4za1V3EL5AwEu1H57CLAbX9s2lZCmgkate3w4a_EhpE9-7neUd0rtgxPTKi8CuaF9HX52JcdA4

Dopo aver concretizzato il principio Anassimene concretizza anche il principio di differenziazione ossia le trasformazioni dall'elemento originario al molteplice, tale principio è identificato con i processi di condensazione e rarefazione da cui si origina ogni cosa, Mason vede in questa descrizione già una sorta di teoria degli elementi. https://www.matematicamente.it/wp-content/uploads/2016/11/Schermata-2016-11-23-alle-18.54.42.png

Per rarefazione il vapore si trasforma in fuoco, infatti, spiegava, quando l’aria viene alitata fuori dalla bocca appare calda, mentre sembra fredda quando viene soffiata fuori con forza. Similmente, per un processo di condensazione, il vapore dapprima si trasforma in acqua e poi in terra (Mason S.F., Storia delle scienze della natura, Milano, Feltrinelli, 1971)

Si ha dunque la seguente progressione per rarefazione dell'aria si genera il FUOCO per condensazione dell'ARIA (che condensa in nuvole) l'ACQUA e poi la TERRA da cui per ulteriore condensazione si arriva alla PIETRA.

Essa rappresenta anche una sorta di anima https://i.imgur.com/fLQwwZ1.jpg nelle parole di Anassimene che nei frammenti suonano così:

Come la nostra anima, essendo aria, ci tiene uniti, così fanno il respiro e l’aria che circondando l’intero universo

Da questo possiamo dedurre che Anassimene considerasse il mondo come un organismo vivente

https://encrypted-tbn0.gstatic.com/images?q=tbn%3AANd9GcS5OXHNzDi3tNY9KnWqPjWIWlikNcHfEc58MpCdH6kfFwY3L9ci 

Secondo Diogene di Apollonia Anassimene articola una meteoreologia simile a quella di Anassimandro. I venti che sono aria condensata formano le nuvole che a loro volta sempre per condensazione  danno origine alla pioggia. Se si aggiunge il freddo la pioggia diviene grandine o neve. https://encrypted-tbn0.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcSKFL2dcJBN0G1a99H-rj0NePer3fHI_m-_xA&usqp=CAU

Pare che Anassimene avesse provato a spiegare anche l'arcobaleno come riflesso del sole sulle nuvole spesse. Mostrando quanto i primi pensatori cercassero di dar conto dei fenomeni riducendo l'apparente Caos in ordine, cosmos. https://encrypted-tbn0.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcSUhUSFBbyOy9SM8QtybnpzXaVSv63o39tsYPfbVNZrTNqyCDT8FwQhOtI5KmR376zcZPg&usqp=CAU

Per quanto riguarda l'astronomia Anassimene riprende la teoria di Talete, ma a differenza di questo la pone anch’esso, in coerenza con la sua teoria, sospesa nell’aria e non nell’acqua, mostrando di aver compreso il concetto di Anassimandro di corpo sospeso nello spazio. Inoltre gli è attribuito il pensiero che il cielo è duro come il cristallo e le stelle vi sono infisse come chiodi d’oro. Infatti egli sostiene che l’aria tanto più sia lontana dalla terra tanto più sia solida e rigida. Sole, Luna e pianeti non scendono mai sotto il piano terrestre ma si limitano a ruotargli attorno orizzontalmente. http://www.ousia.it/SitoOusia/SitoOusia/Manuale/Antica/Le origini/Gli Ionici/Anassimene/UniversoAnassimene.jpg

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok